Andrea Chimenti In Bowie

andrea in bowie

andrea in bowie

Penso che nessuno tra di noi presenti a quella sera al teatro Metastasio avvesse potuto immaginare che a meno di un mese di distanza David Bowie ci avrebbe lasciato. Era il 22 dicembre e Mario Setti con la sua agenzia Nuovi Eventi Musicali  aveva organizzato una serata “mista”. Nella prima parte si è esibita l’Orchestra I Nostri Tempi con un repertorio di musica classica, è una formula interessante che Nuovi Eventi Musicali ha già proposto in diverse occasioni, nella seconda parte del concerto invece si sono aggiunti Andrea Chimenti e la sua band regalandoci un omaggio al Duca Bianco. In precedenza, nel ruolo di fonico avevo già incontrato Andrea in queste vesti. Alcuni mesi prima abbiamo fatto un concerto al museo 900 di Firenze. Si trattava di un concerto in versione acustica senza l’orchestra al completo e senza la batteria e il basso elettrico. Da allora ho visto e ho avuto la fortuna di lavorare come fonico ad alcune date di Andrea Chimenti dedicate al Duca Bianco ( come allo  Smiting Festival vedi Where are we now?  o Space Odity )  ed a prescindere dalle versioni rimango sempre impressionato dalla capacita di Andrea e del suo modo di interpretare la musica di David Bowie senza mai cadere nella banalità delle semplici cover. La voce potente, precisa, sempre intonata, sia quando a malapena sussurra le parole sia quando spinge, fantastica tecnica della gestione del microfono. Trasmette sempre emozione e mi fa pensare che potrebbe cantare qualsiasi cosa in modo asolutamante perfetto. Indubbiamente una delle migliori voci maschili sulla scena italiana.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*